Caldaia a Condensazione: Come Funziona, Prezzi e Migliori Modelli

Nel settore del riscaldamento domestico sta prendendo sempre più piede l’utilizzo delle caldaie a condensazione. In questo articolo ti spieghiamo il suo funzionamento e ti illustriamo vantaggi e svantaggi di questa scelta. La caldaia a condensazione che puoi installare in casa, è una caldaia a gas, ma ha delle caratteristiche particolari, prima tra tutte quella di “condensare” il vapore acqueo contenuto nei fumi di scarico, che nelle caldaie tradizionali si disperde in atmosfera attraverso il camino.

Questo permette sicuramente un risparmio, dato che il calore latente viene recuperato e viene utilizzato per preriscaldare l’acqua. Inoltre con la caldaia a condensazione dai anche un contributo importante alla conservazione dell’ambiente, in quanto emettendo fumi di scarico con una temperatura più bassa, la caldaia a condensazione emette una minor quantità di sostanze nocive nell’aria. In definitiva le caldaie a condensazione sono la soluzione tecnologicamente più avanzata che puoi utilizzare per il riscaldamento.

Caldaie a Pellet per il Riscaldamento dell’Acqua: Come Funzionano, Vantaggi e Svantaggi

Per risparmiare sui consumi di gas e utilizzare un combustibile naturale, puoi scegliere di acquistare le caldaie a pellet per il riscaldamento dell’acqua, una nuova e innovativa forma di riscaldamento domestico. Le caldaie a pellet si collegano direttamente all’impianto idrico per poter produrre acqua calda sanitaria e sono perfette per ridurre i consumi energetici e le emissioni di CO2.

Come funzionano le Caldaie a Pellet

Le caldaie a pellet sono l’ultima frontiera per i sistemi di riscaldamento e svolgono essenzialmente due funzioni: riscaldare gli ambienti e produrre acqua calda sanitaria. Le caldaie a pellet funzionano esclusivamente tramite la combustione di pellet, un biocombustibile naturale derivante dagli scarti della lavorazione del legno. Il pellet è un materiale rinnovabile, pulito e che non emette anidride carbonica, perfetto per chi vuole usare un sistema di riscaldamento completamente ecologico, inoltre il costo di questo combustibile è davvero irrisorio rispetto a quello del gas o del GPL.

Piano Cottura e Piastra a Induzione: Funzionamento, Vantaggi e Svantaggi

Al giorno d’oggi nelle cucine moderne (ma non solo) è aumentata sempre di più la tendenza ad utilizzare piani di cottura a induzione. Tale scelta nasce da diverse esigenze, innanzitutto di tipo estetico (il piano cottura a induzione è decisamente più elegante rispetto a quello tradizionale), ma anche per necessità di spazio. Prima di scegliere questo tipo di piano cottura nella tua cucina però è necessario informarti bene sul suo funzionamento affinché tu possa prendere la decisioni più adatta ai tuoi bisogni.

Il piano cottura a induzione utilizza il principio di induzione elettromagnetica per apportare calore e far cuocere i cibi. Esso non prevede dunque l’uso del gas per poter funzionare ma viene azionato attraverso lo sfruttamento dell’energia elettrica alterata. Quest’ultima a sua volta giunge a una bobina che solitamente è ricoperta da un determinato materiale, come ad esempio vetroceramica. A questo punto la corrente elettrica è in grado di produrre un campo magnetico che a sua volta genera correnti parassite le quali si manifestano sotto forma di calore.

Manutenzione Impianto Fotovoltaico: Ecco le Cose da Fare

La manutenzione di un impianto fotovoltaico è molto importante per mantenerlo in perfetta efficienza. Questo tipo di impianti tipicamente non presenta costi di gestione alti e non necessita di manutenzioni particolari giacché non prevede l’utilizzo di parti meccaniche in movimento. Tuttavia è comunque consigliabile prevedere una routine di interventi manutentivi per garantire il funzionamento efficiente del sistema.

La manutenzione dei pannelli

Attraverso i moduli fotovoltaici la luce solare viene catturata per poi essere convertita in energia elettrica. I pannelli solari sono esposti agli agenti atmosferici, pertanto inquinamento, pulviscolo, polveri, terriccio, fogliame, sono tutti elementi che nelle stagioni secche si vanno a depositare formando una patina che li sporca e li fa diventare inefficienti. Provate ad immaginare di lasciare i vostri occhiali da sole alle intemperie, dopo pochi giorni saranno inutilizzabili, a meno che non si puliscano per bene. Ebbene, con i pannelli solari vale lo stesso discorso.

Lavaggio Pannelli Solarie e Fotovoltaici: Come Effettuarlo al Meglio in Sicurezza ed Efficacia

Pannelli Solari e Fotovoltaici sono uno dei simboli della rivoluzione green che sta attraversando il comparto della produzione di energia elettrica non solo in Italia ma un po’ in tutto il mondo. Tecnologie ormai sicure ed efficienti, pur presentando differenze nel tipo di energia prodotta hanno in comune la medesima fonte rinnovabile: la luce del sole. Il pannello fotovoltaico è lo strumento per eccellenza nella produzione di energia elettrica, il pannello solare termico invece trasforma la luce in energia termica utile per riscaldare l’acqua. Ormai è possibile vedere molte installazioni di pannelli sia fotovoltaici che solari termici presso le abitazioni private, soprattutto in zone del paese ad alto indice di insolazione, ovvero sud e isole.

Le molte aziende del settore fotovoltaico riescono ad offrire prezzi di installazione molto vantaggiosi grazie a politiche statali di ecoincentivi e prodotti finanziari interessanti, rendendo così piuttosto facile la realizzazione di impianti domestici. Non ultima è anche la possibilità di immettere direttamente nel sistema elettrico la quota di energia prodotta diventando a tutti gli effetti dei piccoli produttori. Nel caso del solare termico invece il beneficio principale risiede nella possibilità di ottenere acqua calda per gli usi domestici.

Parapetto Fotovoltaico di Aluray: un importante innovazione nel settore energetico

Era il 5 dicembre 2017 quando è stato presentato per la prima volta il nuovo gioiellino targato Aluray, davanti a circa una cinquantina di persone, riunite nel centro commerciale Shop Center Valsugana a Pergine. Si chiama Vulcano ed è un parapetto in alluminio con fotovoltaico ben integrato. E’ bastato ammirarlo nella show-room per poter subito creare grandissima curiosità: le offerte sono arrivate dal nord Italia, ma anche dagli Emirati Arabi. Un’azienda di Dubai, infatti, ha espresso grande interesse sui parapetti fotovoltaici, da usare nella costruzione di un grattacielo nel centro città.

A presentare questa grande innovazione del mercato è stato il titolare di Aluray, Gianenrico Sordo, insieme a Flavio Favero, che è Ceo & Founder di On Energy Project.

Arriva il primo Treno Fotovoltaico: il grande lancio in Australia

E’ stato prodotto, e recentemente avviato, il primo treno fotovoltaico in Australia; la grande impresa è firmata dall’associazione no profit Byron Bay Railroad Company. L’idea era quella di partire da un vecchio treno, del 1949, che è stato prontamente rivestito di moduli fotovoltaici leggeri e flessibili. Il treno riesce così a ottenere una potenza totale di 6,5 kW, con un accumulo di batterie per una carica e alimentazione con un impianto solare da 30 kWp.

La Finestra Intelligente che si Oscura e produce Energia Elettrica

Esiste una particolare finestra intelligente, presentata dal National Renewable Energy Laboratory (NREL), che potrebbe ridurre i consumi di energia elettrica. Come? La finestra in questione è un prototipo che sfrutta un pannello di “vetro” che riesce a diventare opaco, così da ridurre l’irraggiamento solare proprio durante quei momenti della giornata in cui si vivono le ore più calde.

E’ presto detto che i vantaggi possono quindi essere due: da un lato si possono tenere fresche case ed edifici nelle stagioni più calde. Dall’altro lato invece è importante non tralasciare un fattore basic: nel preciso momento in cui il pannello diventa opaco, riesce a produrre energia elettrica ricavata dalla luce del sole.

Tesla: arriva una batteria che salva le città dai black-out

Di promesse ne ha fatte tante, tantissime, ma ancora una volta ha saputo mantenerle tutte. Elon Musk aveva rivelato di voler realizzare, in meno di 100 giorni, una specialissima super batteria che potesse aiutare a garantire l’approvvigionamento energetico dell’Australia del Sud. Come mai? Questa zona, nello specifico, è una delle aree più esposte al rischio di blackout a livello mondiale. Sono trascorsi appena 2 mesi dalla notizia ed ecco che l’ipotesi ha subito preso il via: il patron di Tesla ha ammesso di aver dato il via al primo giro di chiave su questa unità da 100 megawatt.

E’ in assoluto il più grande progetto realizzato da Tesla, non a caso ha attirato l’attenzione di tutto su scala internazionale.

Tesla SEMI: Ecco il nuovo Camion Elettrico di Tesla

L’attenzione ai problemi dell’ambiente è ormai una realtà bene consolidata anche nel mando della auto. Non solo quindi sono ben diffuse nel mercato le versioni ibride a gas e benzina, ma negli ultimi tempi, la tecnologia si è evoluta per il raggiungimento di auto che utilizzassero un energia rinnovabile e totalmente priva di emissioni come quella elettrica. Si sta giungendo quindi a un eliminazione completa del sistema a idrocarburi, come il petrolio e il gas naturale e un approccio a quello che è una forma più economica, funzionale e rispettosa dell’ambiente.

Tale situazione è possibile grazie allo sviluppo della tecnologie delle batterie, con i sistemi a batteria composita che prevedono, non solo una maggiore durata nel tempo, permettendo quindi alle auto di avere un autonomia maggiore, ma anche e soprattutto una ricarica più rapida. Questo permette non solo la creazione di macchine esteticamente eleganti e funzionali, ma anche con motori accattivanti o potenti da poter essere montati su camion.