Pulizia dei Pannelli Fotovoltaici: Come Fare da Soli o con Azienda Specializzata

Come si effettuano la pulizia e il lavaggio dei pannelli fotovoltaici? La fase di manutenzione è fondamentale e deve essere realizzata periodicamente affinchè mantengano una maggiore efficienza e quindi il rendimento energetico sia ottimale. E’ possibile sia prendere in considerazione l’ipotesi di affidarsi ad aziende specializzate, oppure optare per una pulizia fai da te, affidandosi a un’attrezzatura corretta. Di seguito scopriremo quando pulire i pannelli solari, le modalità e tutti i consigli utili per la pulizia dei pannelli fotovoltaici.

Quando pulire i pannelli?

La frequenza della pulizia di un impianto fotovoltaico varia in base alla posizione dei pannelli e alle esigenze riportate nella garanzia del produttore. La pulizia deve essere più frequente quando:

  • I pannelli sono installati nei pressi di una zona marina;
  • Gli impianti si trovano vicino ad alberi che provocano resine, detriti e fogliame;
  • Ci si trova in zone ventose, che aumentano il trasporto di sporcizia;
  • L’impianto fotovoltaico è installato vicino a una zona industriale.

E’ molto importante valutare quanto spesso ha piovuto, per capire quando è giunto il momento di avviare la fase di pulizia. La pioggia è utile per rimuovere polvere e detriti, ma se si formano incrostazioni o depositi le macchie stesse di acqua possono danneggiare il vetro. Con una corretta manutenzione gli impianti solari moderni possono durare oltre 30 anni. La mancanza di pulizia può causare una perdita pari al 15-30% di efficienza e quindi ridurre il ciclo di vita.

Aziende Specializzate

Il metodo più sicuro, ma indubbiamente il più costoso, è quello di affidarsi a un’azienda specializzata. Il costo medio dell’intervento di uno staff professionale varia da 0,40 cent fino a 2 euro per ogni metro quadro di superficie. Per la pulizia di un impianto fotovoltaico residenziale, installato comunemente sul tetto di casa, si va in media da 15 a 40 euro per mq di superficie. Gli esperti, infatti, necessitano di costi aggiuntivi per poter così coprire l’utilizzo del sollevatore o, eventualmente di uno strumento chiamato “braccio meccanico”. Quest’ultimo si usa nel caso d’impianti che sono meno accessibili. E’ quindi presto detto che, sommando i costi di staff e attrezzi necessari, il prezzo totale della pulizia tende a salire in modo importante.

Pulizia Fai da te con appositi Kit e Prodotti

Vuoi risparmiare un po’? Puoi imparare a effettuare una pulizia fai da te, ma dovrai procurarti le attrezzature necessarie. In commercio troverai diverse tipologie di kit per la pulizia dei pannelli, che prevedono l’uso di spazzoloni telescopici, oltre alle spazzole a rullo e i detergenti specifici per lucidare il vetro. E’ sufficiente usare un sapone per superfici lucide, cercando però di evitare i prodotti che sono troppo aggressivi. Se, per esempio, usi un detergente domestico, sarà opportuno risciacquare abbondantemente la superficie prima di considerare terminata la fase di pulizia. Le migliori soluzioni che trovi in vendita online, sono i detergenti concentrati che dovranno essere diluiti in acqua, in modo da realizzare una pulizia che sia delicata.

Pulizia Pannelli Fotovoltaici

Pulizia Pannelli Fotovoltaici

Il consiglio più importante per chiunque voglia svolgere questo lavoro in modo autonomo, è quello di farlo nelle prime ore del mattino, quando la rugiada sui pannelli aiuta a “ammorbidire” la sporcizia depositata. In media, se hai un impianto solare posizionato in luogo favorevole, ti basterà lavarlo un paio di volte l’anno.

I sistemi automatici che favoriscono la pulizia dei pannelli fotovoltaici, sono un’alternativa pratica da usare, ma sono consigliabili solo per chi ha un piccolo impianto domestico. Questi robot sono utili anche per facilitare una pulizia fai da te, ma sono sconsigliati per impianti installati nelle aziende, che occupano quindi una superficie importante. Non importa quindi quale sarà la modalità scelta, ma è necessario rispettare le tempistiche spiegate in precedenza per avere un impianto che sia efficiente al 100%.

Leave a Reply